mercoledì 24 ottobre 2012

Tartellette con mousse di ricotta e gelè di loti (bis)

Ciao a tutti, 
finalmente ho recuperato un attimo di tranquillità e posso raccontarvi tutti i dettagli del mio lunedi' mattina e parlarvi delle foto postate ieri e corredarle della ricetta.  
Un po' di tempo fa la dr. Grazia Napoli, giornalista della sede Rai di Potenza, venuta a conoscenza del mio blog, mi ha chiesto se poteva fare un servizio televisivo su di me. Ovviamente panico. Io che non avevo detto fino a poco meno di  una settimana fa niente a nessuno che ho un blog, cosa potevo mai rispondere?  Insomma c'ho pensato e ripensato: " Che faccio? Accetto o dico no?" . Da un lato mi dicevo: " Cavolo Paola non puoi dire di no e quando ti ricapita più un'occasione simile? Non puoi lasciartela sfuggire così " e dall'altro lato " Cavolo ma  forse è meglio aspettare o chiedere di spostare l'intervista un po' più in là ?". Insomma una vera e propria guerra, finchè, la settimana scorsa, preso il coraggio a due mani, ho accettato. 
La richiesta era quella di preparare un piatto a mia scelta per fare delle riprese della preparazione e poi rilasciare un'intervista.
Primo problema:  la scelta della ricetta. Per ben cinque giorni il mio cervello è andato completamente in tilt. Non sono riuscita a pensare  a nulla e ogni volta che qualcuno di famiglia mi chiedeva: " Pa hai deciso che preparare?".  Io facevo spallucce e dicevo " macchè non mi viene in mente nulla, so solo che ogni cosa non va bene". Tutto questo finchè venerdì sera ho optato per un dolce e solo sabato sera finalmente è arrivata l'idea : una tartelletta di frolla ripiena di una mousse di ricotta, ricoperta da una gelè di loti. 
Secondo problema: provare la ricetta. Bè normalmente con i dolci sono abbastanza fortunata e anche se li faccio per la prima volta mi escono quasi sempre, tranne domenica scorsa. Tutto quello che ho preparato è venuto uno schifo. Insomma altra crisi, altre paure e il pensiero ricorrente era: " E se domani mi succede la stessa cosa? Che faccio? E se poi ci metto troppo tempo per prepararlo? ".
Terzo problema: cosa dovrò dire? 
Quarto problema: la mia cucina è minuscola, per cui nei giorni precedenti ho cercato, per evitare di arrivare all'ultimo secondo, di riorganizzarla, mettendo mano a tutti gli stipi, nel tentativo di ricavare un buco per i mille attrezzi che vagano per casa. Fatto sta che nonostante avessi provveduto per tempo, domenica ho perso un sacco di tempo a ripulire, sistemare perchè non sapevo come si sarebbe svolto l'appuntamento del giorno successivo.
Insomma, finalmente, è arrivato il lunedì mattina alle dieci e la troupe è arrivata. Ho iniziato a preparare ed ero, strano a dirlo, calmissima, anche se fino a due minuti prima mi sentivo una pazza. La fortuna mi ha assistito e tutto è andato per il meglio. I piccoli mignon mi sono sembrati bellissimi  ( della serie " ogni scarrafone è bello a mamma sua!"). Poi è stata la volta delle riprese del rito delle foto del piatto ed infine l'immissione delle foto nel blog e la pubblicazione del post. Io però la ricetta ce l'avevo appuntata su foglietti e, siccome quando ho pubblicato il post, mi stavano riprendendo, non ho potuto inserire il procedimento. Ultimo atto: mi hanno messo il microfono ed è iniziata l'intervista. Per giorni ho pensato a quello che avrei voluto dire, ma poi in quel momento tutta la mia calma è svanita e tutto ciò che mi sarebbe piaciuto raccontare è andato a farsi benedire. Insomma non so cosa ho detto, per cui aspetto che venga messo in onda il servizio per verificarlo e poi spero di riuscire a pubblicarne il video anche per voi.
Ed ora passo alla ricetta:

Tartellette con mousse di ricotta e gelè di loti



Ingredienti:
Per la pasta frolla:
 204    g    farina
  72     g    zucchero a velo
  31     g    tuorli
  20     g    uova intere
                 succo di mezzo mandarino (o aromi a scelta)
   1            pizzico di sale
 100    g    burro
Per la mousse di ricotta:
 125    g     panna
  75     g    zucchero semolato
  50     g    burro
 250    g    ricotta
   4      g    agar agar
   1            pizzico di cannella                
Per la gelè di loti:  
 125    g    purea di loti
  30     g    zucchero semolato
   3      g    agar agar
  10     g    destrosio ( o 10 g in più di zucchero semolato)
   0,1   g    acido citrico ( o un po' di succo di limone) 
Per la finitura:
 100    g    cioccolato bianco
  50     g    cioccolato fondente
  50     g    pistacchi non salati tritati finemente

Procedimento:
Per la pasta frolla:
Versare nella planetaria la farina, lo zucchero e il sale. Aggiungere il burro a temperatura ambiente e il succo di mandarino. Unire le uova e i tuorli un po' alla volta. Aspettare che gli ingredienti siano amalgamati, evitando di lavorarli eccessivamente.
Avvolgere l'impasto in un foglio di carta da forno e farlo riposare in frigo per almeno un paio d'ore  o in freezer per mezz'ora.
Tirare l'impasto dello spessore di 3-4 mm e tagliare con un coppapasta del diametro di 5 cm dei dischetti. Inserire i dischetti negli stampini di alluminio del diametro di 4 cm, bucherellarne la base e ricoprirli con degli stampini per evitare che si alzino in cottura. 
Infornare a 175°C per 10 minuti.
Per la mousse di ricotta:
Scaldare in una pentola la panna e aggiungere lo zucchero con l'agar agar, ben amalgamati tra loro, e portare a bollore, mescolando con una frutta.
Dopo poco, allontanare dal fornello e unire il burro e poi la ricotta. 
Mescolare fino ad ottenere una crema liscia.
Versare la crema in un sac a poche con una bocchetta rigata.
Per la gelè di loti:
Lavare i loti, ricavarne la polpa e frullarla con il frullino ad immersione. Riscaldare la purea e portarla al massimo ad una temperatura di 50°C e versare dentro gli zuccheri in cui è stato disperso l'agar agar. Mescolare con una frusta fino al primo bollore. Allontanare dal fornello e aggiungere l'acido citrico. Versare la gelè nel colino a pistone e riempire gli stampini al silicone a forma di cupolette. Far raffreddare. 
Per la finitura:
Far fondere a bagnomaria il cioccolato bianco e con un pennellino impermeabilizzare il fondo delle tartellette. Immergere poi il bordo delle tartellette nel cioccolato bianco e poi nei pistacchi tritati. Riempire con la mousse di ricotta e adagiare sopra le gelè di loti.
Far fondere a bagnomaria il cioccolato fondente e versarlo in un sac a poche. Tagliare la punta di pochissimo e decorare la superficie delle gelè poste sulle tartellette.
Impiattare.






28 commenti:

  1. wow! che belle tartellette e che bella "avventura"! caspita! io sarei rimasta ferma immobile, forse avrei balbettato, non so come tu abbia fatto a rimanere calma. Comunque, davvero, questi dolceti sono stupendi e golosi, sei bravissima!

    RispondiElimina
  2. Wow Paola che emozione, mentre lo raccontavi mi sono immedesimata nella situazione e non ti dico! Bravissima, deve essere stata un bellissima esperienza con la troup che ti riprendeva....io mi sarei paralizzata dalla paura :D. Quando la danno l'intervista? mi piacerebbe vederla?....Sai che abbiamo avuto una idea molto molto simile :)...siamo in sintonia io e te D Un abbraccio, Angela

    RispondiElimina
  3. Bravissima Paola!!! Chissà che emozione!!! Io non ce l'avrei fatta!!!:)
    Queste tartellette sono magnifiche...complimenti!!!
    Un bacione!

    RispondiElimina
  4. ciao Paola,
    bellissimo!! brava
    baci
    anna

    RispondiElimina
  5. Bravissima e tantissimi complimenti!
    Questa ricetta è magnifica, ieri ho ammirato un sacco le foto. Proverò a farla, ma ho forti dubbi sulle mie capacità :-P
    Un bacio ed ancora tanti complimenti!!!!

    RispondiElimina
  6. Ciao Paola! :) Complimenti, che bello!!! Deve essere stato davvero emozionante, io sarei svenuta ahahahahaha! :D Non vedo l'ora di vedere il video! Queste tartellette sono state la scelta giusta: golose, belle e raffinatissime! :) Brava, un abbraccio e buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.s.: vedo che hai cambiato la grafica! Quella di prima mi piaceva ma questa mi piace di più ed è più chiara! ;)

      Elimina
  7. Bravissima Paola!! Ero curiosa di leggere il seguito e sono contenta, sicuramente è stato emozionante ma la soddisfazione credo tanta. Complimenti:-) bravissima ancora e buona giornata Paola, un bacio

    RispondiElimina
  8. Ma cara Paola!! Che bello! Sono contentissima per te e mi raccomando.. sarebbe bello se riuscissi a farci vedere il video!! Bravissima!!! I miei complimenti, anche per queste tartellette meravigliose! :D Ti abbraccio forte forte!!

    RispondiElimina
  9. curiosissima ancora di più, vorrei vedere il video!Dal canto mio, da pasticcera provetta ti dico che la presentazione del dolce è ben riuscita, si presenta pulito e curato nei dettagli, impreziosito dalla granella di pistacchio che ben sposa con l'arancione, hai scelto bene!!!

    RispondiElimina
  10. Ma che bella esperienza!!! Brava! sai che capita anche a me? di essere agitatissima per qualcosa "prima"....poi quando arriva il momento sembro avere una calma zen..bah!
    Bellissime le tue tartellette!
    un bacione :*

    RispondiElimina
  11. meraviglioseeee passamene un paiooooo

    RispondiElimina
  12. Una ricetta di alta pasticceria. Sei molto brava ed esperta.

    RispondiElimina
  13. bravissima. davvero quando leggo queste emozionanti storie non posso che pensare a quanta strada ancora mi manchi e magari non arriverò mai ad essere così brava. hai tutta la mia ammirazione :)) (ps e complimenti anche per la nuova grafica!). a presto, Clara

    RispondiElimina
  14. Sei davvero brava!!
    Queste tartellette sono di una bellezza stratosferica!!
    Un abbraccio e a presto
    Carmen

    RispondiElimina
  15. un piccolissimo dolce ma chissà che impegno prepararlo! l'aspetto è fantastico e a giudicare dagli ingredienti, altrettanto fantastico sarà il gusto! un bacio e buona notte!

    RispondiElimina
  16. Tantissimi complimenti!!! Un abbraccio e grazie di essere passata da me ;) F.

    RispondiElimina
  17. Ciao paola, complimentissimi!!!! Hai visto che anche il mio blog ha il vestito nuovo? Bacione

    RispondiElimina
  18. Uh si! mi piacerebbe proprio vedere il video, per ora mi accontento di ammirare la foto di questi dolcettini rotondetti!
    Complimenti!!!!!

    RispondiElimina
  19. interessante il tuo blog, l'ho appena scoperto, io mi chiamo Vanna,e mi sono unita con piacere al sito! se ti va di ricambiare, ti aspetto, ciao! http://ledeliziedivanna.blogspot.it/

    RispondiElimina
  20. Ciao Paola,
    come promesso eccomi a farti visita...direi che anche il tuo post è interessantissimo l'ho letto con molta partecipazione...complimenti per il blog, l'intervista e le tue succulenti ricette...mi unisco ai tuoi membri...al prossimo post

    RispondiElimina
  21. che buone!! brava come sempre :) ti meriti un premio! quando puoi passa da me spero ti farà piacere ^-^
    ciao a presto!!!

    RispondiElimina
  22. Ti assicuro, hai fatto un figurone, sembrano usciti "dal mastro fornaio""...
    Panico, hai usato la parola giusta, sai, mi sono immedesimata tanto nella tua situazione che mi è venuta l'ansia!
    Bravissima, un successo!

    RispondiElimina
  23. che meraviglia una goloita' pazzesca buon fine settimana

    RispondiElimina
  24. deliziosi e carini! volevo farti i complimenti per il blog, ci sono arrivata per caso e m'è piaciuto! :)

    RispondiElimina
  25. Paola, i miei complimenti per la tua avventura e sopratutto per questi deliziosi dolcetti che sono davvero invitanti!!
    Un abbraccio
    Ps: mi unisco ai tuoi sostenitori e aggiungo il tuo blog a quelli che seguo così non ti perdo di vista!
    Bacioni
    Francesco

    RispondiElimina
  26. Belle queste crostatine!! Bellissime e golosissime !!
    Se ti va passa da noi e unisciti ai lettori fissi :)

    http://duecuorieunapadella.blogspot.it/

    Baciotti !!

    RispondiElimina
  27. foto stupenda, presentazione super...spero di riuscire a ricrearle anche io a casa queste tartellette :)

    RispondiElimina