domenica 19 aprile 2015

Crostata di fragole con farina semintegrale senza latticini e uova

La settimana scorsa ho deciso di preparare un dolce per tutti quelli che, per scelta o necessità di salute, hanno eliminato dalla propria alimentazione i latticini, le uova e  gli zuccheri raffinati.     
Ho preparato, pertanto, una crostata di fragole che volevo che fosse golosa e invitante nell’aspetto, ma assolutamente sana e gustosa.
Ho usato per la pasta frolla  una  ricetta di Montersino, presa dal libro Golosi di salute e per la crema pasticcera una ricetta presa dal sito Vegolosi.it. Ad entrambe le ricette ho applicato alcune mie modifiche, sostituendo nella frolla alla farina di farro quella di grano tenero di tipo 2 e allo zucchero semolato lo zucchero di canna e stevia, dopo averne anche dimezzato la dose. Nella ricetta della crema pasticcera, invece, ho aggiunto un po’ di curcuma in modo da renderla più simile alla versione classica.
Ho ottenuto un dolce irresistibile dal punto di vista estetico, con nulla da invidiare alle crostate classiche e dal punto di vista del gusto una crostata salutare e sana.
Ed ecco come ho preparato la mia

Crostata con farina semintegrale senza latticini e uova 







Ingredienti :
Per la frolla con farina semintegrale all’olio senza uova e latticini:
250   g        farina semintegrale di tipo 2                    
60     g        zucchero di canna Tropical & Stevia
35     g        olio di riso
35     g        olio e. v. o.
63     g        acqua
6       g        baking
Per la crema vegana:
400   ml     latte di soia
30     g        zucchero di canna(stevia)
25     g        farina di riso
1/2             scorza di limone biologico
1       g        agar agar
1                            pizzico di curcuma
Per la finitura:
1       n       confezione di fragole fresche
q. b.            foglie di menta
2       g        gelatina in fogli
10     g        acqua
Procedimento:
Per la frolla con farina semintegrale all’olio senza uova e burro:
Versare nel recipiente della planetaria lo zucchero di canna, l’olio extravergine di oliva, l’olio di riso, l’acqua e il baking e mescolare per pochi secondi con una frusta a mano. Unire in un solo colpo la farina e avviare la planetaria con la foglia finché gli ingredienti non siano mescolati. A questo punto avvolgere l’impasto, che è molle e appiccicoso, in un foglio di carta forno e farlo riposare in congelatore per mezz’ora.
Montersino consiglia, trascorso questo tempo, di togliere la pasta frolla dal congelatore, inserirla in planetaria e impastarla per mezzo minuto con 5 grammi di acqua. Io ho omesso per disattenzione questo passaggio e ho semplicemente tolto l’impasto dal congelatore  e l’ho steso tra due fogli di carta forno.
Mettere l’impasto su un foglio di carta da forno e stenderlo con il matterello ad un spessore di circa 5mm. Oleare lo stampo e ricoprirlo con la pasta frolla. Bucherellare la base, ricoprirla con un foglio di carta forno e versare sopra del sale grosso. Cuocere in forno caldo a 175 °C per 15 minuti. Togliere la carta con il sale e continuare la cottura per altri 5 minuti.
Per la crema vegana:
Grattugiare la buccia di mezzo limone.
In una pentola setacciare la farina e unire lo zucchero.
Mettere la pentola sul fuoco a fiamma bassa, unire il latte a filo e mescolare. Non appena bolle unire la buccia di limone,  l’agar e la curcuma.
Far bollire per circa un minuto.
Versare la crema in una pirofila, coprirla con un foglio di pellicola e far raffreddare.
Per la finitura:
Ricoprire la crostata con la crema ormai fredda. Lavare e tagliare  le fragole a fette sottili e decorare la crostata. Far ammorbidire la gelatina in fogli in una quantità di acqua pari a 5 volte il suo peso. Riscaldare per pochi secondi nel forno a microonde e con un pennello distribuire la gelatina sulle fragole. Decorare con alcune foglioline di menta fresca.







11 commenti:

  1. bellissima, che buona con le fragole, tipicamente primaverile!!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le fragole sulle crostate sono meravigliose e chissà che arrivi presto il caldo anche qui in montagna! Un abbraccio Sabry

      Elimina
  2. L'aspetto è a dir poco magnifico!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giuliana direi che i colori a contrasto sono fantastici,buona giornata cara!

      Elimina
  3. A vederla nessuno direbbe mai che è una crostata "alternativa". Ho sempre in mente di sperimentare la frolla con le farine non di grano. Secondo te si avverte il sapore della soia nella crema pasticcera ? Il latte di soia al posto di quello vaccino mi piace molto nella besciamella. Ma nei dolci non l'ho mai sperimentato

    RispondiElimina
  4. La base Cristina è con una farina di grano tenero semintegrale, cioè più ricca di principi nutritivi e il'colore della frolla è più scuro. La crema va solo calibrata bene con la curcuma. Certo se si è abituati alla crema con il latte vaccino e le uova il sapore è diverso, ma direi che il cibo è un'esperienza e bisognerebbe essere sempre pronti a sperimentare! Un abbraccio e grazie

    RispondiElimina
  5. Che bella crostata, Paola, adesso si usano fare tutti questi dolci senza uova, ne' latte, che sicuramente fanno meno male, sei stata davvero molto brava,anche per come l'hai guarnita, bravissima........Un abbraccio grande,Giusy.

    RispondiElimina
  6. E' festa qui da te...questa crostata è una botta di allegria, oltre che di bontà !
    Ti abbraccio :)

    RispondiElimina
  7. Ha davvero un aspetto delizioso :-) Hai detto bene non ha niente da invidiare alla classica crostata..anzi ^_^
    Bravissimaaaaaa

    RispondiElimina
  8. uno spettacolo!!! molto bella e invitante questa crostata ;)
    buon inizio settimana

    RispondiElimina
  9. Ciao paola, stavo scorrendo le ricette del tuo blog, molto interessanti e foto molto belle. Mi sono soffermata su questa crostata perchè, oltre che invitante perchè mi piacciono le fragole da morire, sono interessata all'uso di prodotti sani. Non sono nè vegetariana nè vegana, ma se posso mangiare sano è tutta salute guadagnata (essendo anche una golosa). L'olio di riso sarà difficile reperirlo? oppure sostituirlo? Al limite raddoppio l'olio EVO. Ciao spero di provarla al più presto. Buona estate

    RispondiElimina